Coronavirus: il posto più’ sicuro dove sedersi in aereo

Il “FlyHealthy Research Team” ha osservato i comportamenti dei passeggeri e dell’equipaggio su 10 voli statunitensi transcontinentali da circa tre ore e mezza a cinque ore. Guidati da Vicki Stover Hertzberg della Emory University e Howard Weiss, non solo hanno esaminato il modo in cui le persone si muovevano nella cabina, ma anche il modo in cui ciò ha influenzato il numero e la durata dei loro contatti con gli altri.

Il team voleva stimare quanti incontri ravvicinati potevano consentire la trasmissione durante i voli transcontinentali.

“Supponiamo che tu sia seduto in un posto nel corridoio o in un posto di mezzo e che io vada a piedi per andare al bagno”, dice Weiss, professore di biologia e matematica alla Penn State University. “Saremo in stretto contatto, il che significa che saremo a meno di un metro. Quindi, se sono infetto, potrei trasmetterti il virus”

Come rivelato dallo studio del 2018, la maggior parte dei passeggeri ha lasciato il proprio posto a un certo punto – generalmente per usare il bagno o controllare le cappelliere – durante questi voli a medio raggio. Complessivamente, il 38 percento dei passeggeri ha lasciato i propri posti una volta e il 24 percento più di una volta. Un altro 38 percento delle persone è rimasto ai loro posti durante l’intero volo.

Questa attività aiuta a individuare i posti più sicuri dove sedersi. I passeggeri che avevano meno probabilità di alzarsi erano seduti vicino ai finestrini: solo il 43 percento si muoveva rispetto all’80 percento delle persone sedute sul corridoio.

Di conseguenza, i passeggeri dei posti vicino al finestrino hanno avuto molti meno incontri ravvicinati rispetto alle persone in altri posti, con una media di 12 contatti rispetto ai 58 e 64 rispettivi contatti per i passeggeri nei sedili centrali e laterali.

La scelta di un posto vicino al finestrino e il mantenimento della posizione riducono chiaramente la probabilità di entrare in contatto con una malattia infettiva.

Weiss afferma che ciò è dovuto al fatto che la maggior parte delle persone sugli aerei entrano in contatto per un periodo breve.

“Se sei seduto in un corridoio, sicuramente ci saranno un bel po ‘di persone che ti superano, ma si muoveranno rapidamente”, dice Weiss. “Nel complesso, ciò che mostriamo è che la probabilità di trasmissione a un particolare passeggero è piuttosto bassa.”

La storia cambia se la persona malata è un membro dell’equipaggio. Poiché gli assistenti di volo trascorrono molto più tempo camminando lungo il corridoio e interagendo con i passeggeri, hanno maggiori probabilità di avere ulteriori e più lunghi incontri ravvicinati. Come affermato dallo studio, un membro dell’equipaggio malato ha una probabilità di infettare 4,6 passeggeri, “quindi è indispensabile che gli assistenti di volo non volino quando sono malati”.

Fonte: National Geographic

Related Stories

Discover

Andare in vacanza e ritrovarsi ricchi. Ecco cosa è...

Una coppia australiana ha detto che non dimenticheranno mai la loro recente...

Incredibile ma vero: si può vivere nella casa di...

Un cottage ispirato alla casa di Winnie-the-Pooh è disponibile in affitto in...

Tirava un vento

Tirava un vento che mi trascinava via, le nuvole correvano che...

3 Giorni sulla strada del vino dell’Alsazia

Un tour ideale di 3 giorni sulla strada del vino dell'Alsazia.Giusto...

Souvenir dai luoghi più belli del mondo

Una collezione di t-shirt e felpe dedicata alle mete più iconiche...

Quando sarete a Barcellona non perdetevi questo posto magico

Se andate a Barcellona segnatevi di fare un escursione al MONASTERO...

Popular Categories

Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here